marchio PROGEIN
 
Prova a lavorare con noi!
Partners:
barricate
Ponteggi QS vendita online
 
Formazione sui ponteggi
  Progettazione ponteggi
    Vendita ponteggi
      Innovazione
Home:
:
Prodotti:
:
Eventi:
:
Downloads:
:
Links:
:
L'esperto risponde:
:
Richiesta info:
:
Dove siamo:
:
Accesso clienti

 

I vantaggi di una corretta scelta del ponteggio

Dovendo montare un ponteggio occorre valutare bene quale sistema puó risultare più idoneo per la realizzazione della struttura richiesta. Poichè il costo maggiore é dato da montaggio e smontaggio, una corretta scelta del sistema costruttivo porta a sensibili risparmi economici.
Sul mercato oggi possiamo trovare tre sistemi:
  • ponteggio a telai prefabbricati
  • ponteggio multidirezionale
  • ponteggio a tubi e giunti
Il primo é in grado di realizzare forti economie ma solo nella realizzazione di ponteggi di facciata standard. Laddove la geometria del ponteggio si discosta da quella di una parallelepipedo perfetto e ne aumenta la complessità, l'utilizzo di questo sistema diventa sempre più costoso rispetto agli altri due.
Spesso la soluzione si trova nell'utilizzo del ponteggio multidirezionale che offre, accanto ad una notevole rapidità di montaggio e smontaggio, la sufficiente versatilità per realizzare molti tipi di strutture, anche complesse. Inoltre con questo sistema è sempre possibile utilizzare le Barricate che risolvono il problema della caduta dall'alto durante le operazioni di montaggio e smontaggio. A questi vantaggi si aggiunge anche una qualità del lavoro finito tale da far percepire una notevole differenza anche di immagine rispetto agli altri sistemi di ponteggio tradizionali.
Qualora non si ritenga vantaggioso utilizzare un ponteggio prefabbricato, converrà ricorrere all'impiego di tubi e giunti, che richiedono una particolare competenza per il montaggio ma che sono comunque il sistema costruttivo con le maggiori caratteristiche di resistenza e versatilità.
 

Il quadro normativo dei ponteggi

Dopo 52 anni dall'emanazione del DPR 164/1956, nel 2008 é entrato in vigore il D.Lgs. 81/2008, modificato poi dal D.Lgs. 106/2009, che ha cambiato alcune cose che vedremo essere di rilevante importanza.
All'articolo 131 comma 2 il Decreto stabilisce una scadenza dell'autorizzazione ministeriale concessa al fabbricante, che decade appunto dopo 10 anni dal rilascio. Infatti il legislatore scrive che "...é soggetta a rinnovo ogni 10 anni", ovvero che il fabbricante è tenuto a ripresentare con cadenza decennale l'istanza di autorizzazione già avanzata (questo il significato letterale del termine rinnovo). Alla luce di questa disposizione il noleggio diventa uno strumento con il quale le imprese possono mettersi al riparo da investimenti che potrebbero diventare infruttuosi a causa di cambiamenti produttivi che si verifichino per volontà del produttore (innovazione tecnologica) o per cause esterne (cessazione della produzione).
Lo stesso Decreto nell'allegato XIX include le modalità di controllo pre-impianto che già in larga parte erano contenute nella circolare MLPS n.46/2000 e che ora sono pesantemente sanzionate se omesse. I controlli non riguardano solo lo stato di protezione superficiale e la funzionalità dei componenti del ponteggio, ma anche la loro inclusione in un libretto di autorizzazione in corso di validità; in difetto tali componenti non possono essere utilizzati neanche facendo redigere apposito progetto. Inoltre in caso di impiego, assieme a sistemi prefabbricati, di tubi e giunti, questi ultimi devono obbligatoriamente appartenere ad un unico fabbricante, anche qui senza possibilità di sanare l'abuso con il progetto.
 

Le opportunità offerte dal noleggio dei ponteggi

Una volta operata la scelta del sistema da utilizzare, possono essere avanzate richieste di:
  • acquisto
  • nolo di materiale sciolto (detto nolo a freddo)
  • nolo in opera (detto nolo a caldo)
Optando per la prima soluzione, si ha il vantaggio di poter scegliere liberamente tra tutte le tipologie in commercio senza essere legati dalle disponibilità dei materiali presenti nei magazzini dei noleggiatori. L'acquisto diventa veramente conveniente quando si prevedono impieghi prolungati (superiori a 2 anni) o immediati reimpieghi, eliminando così il costo del doppio trasporto in entrata e in uscita dal magazzino del noleggiatore.
Occorre tuttavia fare molta attenzione a scegliere un produttore che offra una continuità produttiva e un'adeguata protezione superficiale dei componenti in modo da non dover essere costretti a interventi di manutenzione tra un impiego e l'altro.
Nel caso in cui si volessero evitare rischi, il noleggio risulta senz'altro la scelta migliore che mette anche al riparo da qualsiasi adeguamento normativo e intervento manutentivo.
Il noleggio a caldo puó diventare conveniente per l'utilizzatore quando é richiesta la realizzazione di ponteggi di facciata standard di dimensioni contenute (fino a 500 mq). In tale occasione puó rivolgersi direttamente ad una ditta di montaggio che, utilizzando i ponteggi di proprietà, potrà praticare prezzi di noleggio più contenuti.
Laddove invece é necessario realizzare ponteggi particolari o di notevoli dimensioni, conviene che l'utilizzatore noleggi i materiali a freddo, scegliendo liberamente il sistema costruttivo da utilizzare ed incaricando il suo progettista di fiducia per l'approntamento del progetto esecutivo. Solo dopo aver definito la struttura in tutti i particolari conviene che si accordi con un'impresa specializzata per affidarle il montaggio e lo smontaggio.

← Precedente                 Torna a inizio pagina                 Successiva →

Data ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2013